Secrets in the Bible

L'età nella Genesi

L'elevata età degli antenati di Abramo rappresenta un importante enigma nella Genesi. Adamo morì all'età di 930, Noah 950 anni e Matusalemme aveva 969 quando avvenne il diluvio. Piuttosto che accettare o rifiutare queste età, è più sensato chiedersi come contribuiscono al racconto.

Uno dei contributi è dovuto al fatto che queste epoche fanno coincidere molte delle generazioni nel corso del tempo. Noè, per esempio, avrebbe potuto conoscere le 18 generazioni tra Enos, nipote di Adamo e di Abramo. Ciò sottende che le genealogie di Caino possano avere qualcosa in comune con quelle di Seth, figlio che Eva ebbe dopo che Caino aveva ucciso Abele. Per studiare se i nomi di Enoch e Lamech in queste genealogie si riferiscono alla stessa persona, scopriamo diversi casi di relazioni extraconiugali e consanguineità e d'incesto.

Un altro contributo è che aggiungendo l'età dei primi sette patriarchi da Adamo a Enoch, si raggiunge un totale di 5.879. Cioè un anno in meno a 5880, che è 7 moltiplicato per 7, moltiplicato per 120. Tuttavia, l'età di Enoch è 365, un numero che si riferisce ai giorni in un anno. Mentre in un anno normale ci sono 365 giorni in un anno bisestile ci sono 366, con questo numero si arriva ​​a 5.880. Per questo motivo, l'età media dei primi sette patriarchi è 7 moltiplicato per 120.

Mentre il numero 120 ci ricorda che Dio disse: "Non Rimarrà per sempre il mio spirito nell'uomo, perché egli non è che carne; che i suoi giorni siano centoventi anni" (Gn6:3), il numero 7 ci ricorda le sette coppie di animali puri (solo una sola coppia di animali impuri) che Dio chiese a Noè di prendere nell'arca (Gn7:2). Poiché questi animali dovettero ripopolare la Terra è evidente che 'impuro' si riferisce all'incesto.

E quando riflettiamo su come gli animali puri possano aver ripopolato la terra, vediamo che queste sette coppie rappresentano sette lignaggi maschili e sette lignaggi femminili e il modo più pratico per evitare la consanguineità o l’incesto sarebbe stato per ciascuno dei sette lignaggi maschili (o femminili) 'incrociarsi' in ogni nuova generazione, con ciascuno dei sette lignaggi femminili (o maschili).

Ciò significherebbe che, dopo sette generazioni ogni lignaggio maschile (o femminile) si sarebbe nuovamente incrociato con lo stesto lignaggio femminile (o maschile). Poiché Dio ha creato Adamo, a sua immagine, Lui ed Enoch avevano qualcosa in comune. Questo spiegherebbe perché Enoch è speciale. Non solo è morto all'età di 365 anni, il numero dei giorni in un anno; la Genesi dice anche di lui: "Enoch camminò con Dio e scomparve, perché Dio lo prese." (Gn5:24)

La Genesi fornisce l'età degli antenati di Abramo in due gruppi di dieci: I primi dieci (da Adamo a Noè) ebbero i loro "eredi" prima del diluvio e gli ultimi dieci (da Sem ad Abramo) in seguito. Dieci più dieci è uguale a venti; sette (un numero che simboleggia la fortuna) e tredici (un numero che simboleggia sfortuna). Quando adesso contiamo l’età degli ultimi tredici patriarci (da Matusalemme ad Abramo) raggiungiamo un totale di 5867 o 5880 meno 13. Questi tredici anni equivalgono a uno anno per patriarca. Tuttavia, tredici sono anche gli anni di Ismaele quando Dio offrì la sua alleanza ad Abramo e ordinò a tutti gli uomini della sua casa a farsi circoncidere*. Vediamo che Dio ha qualcosa in comune sia con Enoch sia con Abramo.

* Da questo momento i patriarchi non riescono più a prolungare le loro vite.